Questa mattina giro di ispezione, di ricognizione, di controllo:

“SIGNORI, LILLIPUT E’ IN VISTA”

Stringono i tempi, fervono i preparativi, aguzziamo la vista per meglio mettere a fuoco, scaldiamo le mani pronte all’ azione, e diamo voce alle parole… si insomma, siamo in pieni preparativi.

E’ un’ emozione sempre grande e di stordente eccitazione.

Vi sembrerà forse strano, ma ad ogni evento si aprono entusiasmi, domande, ricerche, discussioni, confronti… sembra sempre di ripartire da zero nonostante l’ esperienza.

Ma forse è così. Al di la di tutto, del passato, dell’ esperito, e della competenza, il “nuovo” ci richiede sempre una nuova messa in discussione. Calibrare la nostra presenza e la nostra proposta sulla base del contesto, del periodo, del tema, senza perdere mai di vista chi siamo e cosa noi vogliamo portare ai bambini e alla persone.

In questi giorni ci dovreste vedere… cartone ovunque.. pannelli di polistirolo che girano in ufficio e in sede come se avessero ormai vita propria…

Diapositiva4

 

 

Capite bene quanto, in un cantiere, sia importante  discutere se è meglio un triangolo a base dieci o a base sedici… intestardirsi, sfidarsi..  ma i prototipi sono fondamentali.. fare le prove. Ecco, siamo come in teatro, stiamo facendo le prove del nostro spettacolo. Nostro di tutti, di NOI + VOI.

Allora è  NOSTRO, è quell’ installazione collettiva che amiamo e che abbiamo a cuore come uno dei nostri pilastri portanti.

Per iniziare a farvi scaldare mente e cuore, ecco l’ inizio di una storia di NONNA GELLA:

C’era una volta in un paese “che non so” una mamma Ruspa, ultimo modello tecnologico.

Brillava nel suo lucido acciaio, con gli ingranaggi curati e ben oliati.

Mamma Ruspa aveva tre Ruspine, tre bellissime piccole ruspe:

una rossa,una blu e una gialla, più piccola.

Erano il suo orgoglio, così belle che quando

le portava a passeggio tutti le ammiravano e le fotografavano, facendole i complimenti.

Chi sapeva mantenere così bene mamma e piccoline era un ottimo

meccanico professionista,

un giovane dalla grande passione per il suo lavoro

e una capacità nella meccanica

che lo distingueva dai suoi colleghi.

Come     andrà     a     finire…?

STAY TUNED!

Associazione Culturale Moblarte
Via Padergnone 45 – 24050 Zanica (BG)
Tel.: 344 143 2205
Mail: info@moblarte.it